Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Lorenzo Erroi

Una Babele verdeoro

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 36 07 September 2018

Brucia, il Brasile. Brucia il Museu Nacional, abbandonato al suo destino dall’incuria figlia della recessione. Brucia la politica, incendiata dagli scandali di corruzione e dall’arresto dell’ex presidente Lula, che una parte del paese ha vissuto quasi come un colpo di stato; e intanto l’anno elettorale sembra in bilico fra operetta e tragedia. Bruciano anche, più in generale, le ferite degli eterni esclusi: «i margini – razziali e di genere, di tribù e di favela, il grande sertão e la foresta amazzonica – formano la maggior parte del paese, e tuttavia sono sistematicamente discriminati, a livello sociale e a livello culturale», spiegano gli organizzatori di Babel. Dal 13 al 16 settembre il festival di letteratura e traduzione porterà quei margini di Brasile al centro di Bellinzona, per farci capire un po’ meglio una realtà per sua stessa natura eterogenea e contraddittoria, segnata com’è da sincretismi, diaspore, ingiustizie e antichi saccheggi: «un mondo a sé e un mondo in sé, dove sono le ombre a gettare il sole». Sole dall’ombra, margini al centro, un enorme paese in una piccola città, caotici crocevia sull’ignoto trasferiti qui dove ogni strada pare certa e ordinatamente tracciata. L’impegno di Babel è salutare e quasi eroico. Anche perché stimola ognuno di noi – fin troppo abituati a restare nel solco del risaputo e del famigliare – all’esercizio che i traduttori svolgono quotidianamente: traslocare nella diversità e poi riportarsela a casa.
E basta uno sguardo al programma per capire che tale esercizio sarà anche parecchio entusiasmante.