Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Scrittore Anonimo

La buona suocera

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 12 21 March 2018

Povere suocere. L’approfondimento di questa settimana si concentra su quelle più invadenti e pestifere, che rischiano di ingarbugliare una relazione. Anche se a volte la colpa è pure dei figli mammoni, e spesso la suocera diventa un capro espiatorio per altri conflitti, tutti interni alla coppia: «Uccide la suocera scambiandola per la moglie», s’inventò Ennio Flaiano. È dunque doveroso – anche per non incappare nell’ira funesta delle nostre, di suocere – sottolineare subito che quelli descritti sono casi-limite. Babysitter, unità di soccorso psicologico e culinario, preziose confidenti per generi e nuore: la maggior parte delle suocere (e dei suoceri) è anzitutto questo. Anche perché sono già passate da molti degli imprevisti che capitano ai loro figli, e quindi possono aiutarli a relativizzare problemi che parrebbero insormontabili. Armandosi di pazienza e tolleranza, perché provateci voi a sorbirvi per la centounesima volta il piagnucolio di un figliolo stressato, la lunga teoria di «mi trascura» e «devo fare tutto io» rivolti al partner, e compagnia bella. Ingoiando le critiche e le perplessità, con ammirevole autocontrollo. E fornendo spesso una guida e un modello, per semplice forza d’esempio: ci può dare fastidio, ma ci ricorda che abbiamo tutti i nostri limiti e difetti. Forse è proprio questo che a volte ci irrita di più di quella che gli anglosassoni chiamano mother-in-law, una «mamma per legge»: è lo specchio – del tutto involontario – di quel che sappiamo di sbagliare in pensieri, opere e omissioni. Come spiega il ‘Saggio di Baltimora’ Henry Louis Mencken, «la coscienza è una suocera la cui visita non finisce mai». Alla fine, come diceva Totò, «non tutti i mali vengono per suocere».