Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Giancarlo Fornasier

Tutto «a gratis»

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 20 18 May 2018

Se le «prestazioni di servizio» offerte da privati cittadini a titolo volontario dovessero essere adeguatamente retribuite, una buona parte delle manifestazioni e delle offerte socio-culturali che si svolgono (anche a pagamento) nel nostro cantone potremmo scordarcele. Dalla risottata di Carnevale alle attività estive per i più piccoli. Perché il tempo degli altri non ha un prezzo, perché trovare sponsorizzazioni è un’impresa assai frustrante e perché non tutti hanno voglia di passare i fine settimana a far divertire degli sconosciuti. Per fortuna i comuni mortali (adulti e ragazzi) che si mettono a disposizione a favore di buone cause non mancano. E se non è a titolo gratuito, poco ci manca. Nel nostro Approfondimento queste persone vengono definite «eroi invisibili», e certo non è necessario recarsi in zone di guerra per trovare ambiti nei quali dare il proprio contributo. Il portale della FOSIT (la Federazione delle ONG della Svizzera italiana) conta decine di associazioni: ma dietro a quelle sigle ci sono persone, un mondo di braccia che si muove senza troppi riconoscimenti personali. Come quel meccanico in pensione di Lodrino, che nel tempo libero, quando non è occupato con i nipotini o dà una mano nel garage del figlio, recupera, sistema e aggiusta vecchie biciclette che trovano casa nel continente africano.
«A gratis». Un po’ per passione, un po’ perché di cose che finiscono tra i rifiuti ce ne sono sin troppe. Da noi. Di persone, invece, che grazie a due ruote possono migliorare le loro condizioni di vita e risalire la china il mondo è pieno. Tu chiamalo, se vuoi, capitalismo sociale.