Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Giancarlo Fornasier

L’uomo al Circo

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 21 24 May 2019
«Il Circus Nock prende lo slancio. Nel 2020 si annuncia il 160° anniversario. (...) I Nock iniziano già nel 2019 un fuoco d’artificio di idee creative e di pianificazione», si leggeva a inizio gennaio sul portale della compagnia circense. Quattro mesi più tardi sotto il tendone piangevano amaro: il circo «più vecchio della Svizzera cessa l’attività dopo 158 anni», una decisione legata alle perdite accumulate, alla concorrenza, alla crescente difficoltà di trovare luoghi idonei dove accamparsi e ai requisiti sempre più severi richiesti per l’impiego di animali. «Anche il clima ha congiurato: durante certe estati canicolari, la gente non ha voglia di sedersi sotto un tendone dove la circolazione dell’aria è scarsa». Insomma, passione e serietà oggi non bastano: il popolo boccheggia e di starsene chiuso in scomode seggiole a due passi da pagliacci ed elefanti non ha più voglia. nche in Italia, dove tradizione circense e compagnie storiche nei decenni non sono mancate, gli spettacoli sono sempre meno (secondo il Censis tra il 2010 e il 2015 sono calati dell’11%, con punte prossime al 50% in alcune aree del Nord Italia). E di recente qualcuno di loro ha cercato fortuna anche da noi... Quanto c’entrino in tutto ciò il presunto maltrattamento degli animali e le condizioni nelle quali questi devono lavorare, non si sa; probabilmente parecchio, vista la crescente sensibilità di opinione pubblica e media. E infatti esistono esperienze circensi dove di crisi non si parla, e in cui gli «animali» in mostra sono donne e uomini. Come il ben noto Cirque du Soleil, con cui collabora la Compagnia Finzi Pasca.