Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Giancarlo Fornasier

Regali e memorie

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 48 01 dicembre 2017

La lunga rincorsa alla notte di Natale e la caccia ai doni inizia a farsi serrata. La lista delle persone da coinvolgere spesso non è mai definitiva, e tende ad allungarsi proprio con l’approssimarsi della vigilia. «Ma alla cugina di Luigi che cosa avevamo regalato lo scorso anno?». «Bo’, forse il servizio da tè bulgaro che ci aveva rifilato la zia di Zofingen». «Mah, speriamo almeno che le calze di lana le indossi...». «Dai, non ti preoccupare, è il pensiero che conta, lo sanno tutti!». Sì, il pensiero. E non è cosa da poco: il 25 dicembre ha l’indubbio merito di riportare alla memoria persone che per 12 mesi non abbiamo visto e alle quali nemmeno abbiamo inviato un misero messaggino. Anche questo fa parte delle grandi magie del Natale.

L’ultimo scatto
Negli scorsi giorni ci ha lasciati la fotografa Giosanna Crivelli. Più volte presente con fotografie e reportage tra le pagine di Ticino7, Giosanna aveva un’innata sensibilità e un profondo rispetto per la natura e il paesaggio, predisposizioni che negli ultimi anni l’avevano portata a letture molto personali degli elementi e del territorio. Dal fiume Ticino alla Greina, le sue ricerche in immagini rimarranno una testimonianza indelebile del suo lavoro, e della tenacia con la quale difendeva una personale visione del mondo.

Seguici sui social

Le nostre rubriche