Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Scrittore Anonimo

Patrie

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 15 20 April 2018

Che cosa ci rende cittadini di una nazione piuttosto che di un’altra? Che cosa – al di là di un passaporto e del beneplacito di questa o quella burocrazia – ci permette di chiamare un posto «casa nostra»? Un tempo
la definizione di patria pareva chiara e precisa: la terra dei nostri padri, «una d’arme, di lingua, d’altare,
di memorie, di sangue e di cor», per dirla con Manzoni. Definizione invero già obsoleta per la Svizzera, almeno per quanto concerne lingue e altari. Oggi rispondere alla domanda è più difficile. Non solo perché – come
si sente ripetere fin troppo spesso, talora a sproposito – siamo immersi in un contesto globalizzato, multietnico e multiculturale.
Ma anche perché lo stesso concetto
di nazione è stato screditato dalle derive del nazionalismo novecentesco. Visto che abbiamo da poco dedicato un approfondimento al latino, potrei cavarmela con Seneca: ovunque
è la patria del saggio. O meglio
– poiché nutro ragionevoli dubbi circa la mia e altrui saggezza – scomodare Cicerone: la patria è dove si sta bene. Che mi pare poi la definizione più umile e inclusiva (perfino
il pusillanime Don Abbondio la fece sua). O ancora tornare al locale,
e inventarmene una io: sei ticinese
se quando uno ti dice che va in vacanza a Rodi, pensi alla Leventina
e non alla Grecia. La patria, insomma, è una dimensione fluida: qualcosa che si crea partecipandovi, con affetto e rispetto. Senza voler ammannire ai lettori una lettura ideologica, la copertina di questo numero esprime questa convinzione.