Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Giancarlo Fornasier

Sul filo del limite

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 14 06 April 2018

Piedi sanguinanti, sovraccarichi di allenamento, assunzione di «integratori» (più o meno legali), decine di chilometri in sella, tutti
i giorni, trascurando magari anche gli affetti familiari. Oltrepassare quella sottile linea che trasforma una normale attività fisica in una vera ossessione è più facile di quanto si creda. E quando la cultura della prestazione assoluta, dei risultati
e della «professionalizzazione» anche del nostro tempo libero vince sul rilassamento, sull’elaborazione di stati d’animo negativi e sulla ricerca di un equilibrio (almeno interiore), ecco che la dipendenza da forma fisica è servita. Sia chiaro, meglio muoversi troppo che passare la vita su un divano; molto meglio sudare che dedicarsi ad attività alcoliche
o riempirsi di ansiolitici. Ma trovare sollievo mentale solamente se si praticano sforzi fisici intensi è il segno che qualcosa non funziona più, come ci spiega bene Mariella Dal Farra nel suo articolo di apertura.
In compenso, attorno al fitness compulsivo si è creato un enorme mercato fatto di indumenti ipertecnologici, aggeggi elettronici e applicazioni da far invidia a qualsiasi atleta professionista.
Per non parlare dei materiali (dalle biciclette agli sci a costose scarpe per runner da sostituire ogni 200 km), che pare non si discostino per qualità da quelli forniti ai campioni del mondo delle varie discipline. E così,
il turbine delle prestazioni per molti si traduce in una spirale di ricerca della perfezione: per essere bravo devo avere il meglio e dunque spendere.
Il solito vecchio trucco del marketing, in questo caso applicato alla cultura dei belli e vincenti a tutti i costi.