Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Giancarlo Fornasier

Fumo per tutti

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 43 26 October 2018

La scorsa settimana il Dipartimento del territorio ha emanato le solite (ahinoi) «raccomandazioni» per limitare e combattere le emissioni di polveri fini nell’atmosfera: le temibili Pm10, anche se ancora più pericolose sono le ultrafini Pm2.5, di cui spesso ci si dimenticano esistenza e fonti. Tra queste raccomandazioni (nessun obbligo, va da sé) vi è l’utilizzo della tecnica dell’accensione dall’alto di caminetti e stufe a uso domestico: ovvero la fonte del fuoco iniziale non deve essere posizionata sotto la legna da ardere – legna, si badi bene, non scarti di lavorazioni industriali e artigianali che possono contenere vernici, solventi, colle e molto altro – ma sopra. Le ragioni e la metodologia sono ben spiegate in numerosi video presenti nel web, e lo sforzo per accendere correttamente la vostra fonte di calore non necessita di molti studi e corsi. Se avete qualche dubbio sul corretto utilizzo dell’impianto, vostro e dei vostri vicini, date un’occhiata alla canna fumaria: quando la colonna di fumo (e polveri fini) che esce dal comignolo è molto visibile e/o dall’odore acre per un tempo superiore ai 5-10 minuti significa che: o ciò che bruciate non è esattamente solo «legna da ardere» oppure la vostra materia prima e la tecnica di accensione sono da rivedere. Segnalare agli organi competenti la combustione di materiali non idonei nel camino è un dovere di tutti: non sentitevi dunque degli impiccioni, perché l’aria malsana originata da comportamenti sbagliati, poco intelligenti e non rispettosi dell’ambiente la respirate voi, i vostri figli e i vostri cari.
E tutti gli altri, naturalmente.