Il Nuovo Ticino7. Settimanale della Svizzera italiana.

L'edizione corrente

di Giancarlo Fornasier

È il presente, non il futuro

Leggi l'epaper
Edizione Nr. 37 15 settembre 2017

Esisteva una volta la contrapposizione tra tecnologia e manualità. Il più delle volte significava anche lo scontro tra passato e futuro, oppure un muro contro muro tra genitori appartenenti a una generazione assai lontana per modi e stili dai loro figli (e questo almeno per buona parte nel novecento). Anche nelle nostre esistenze dominate dalla tecnologia, la resistenza verso la massiccia digitalizzazione della quotidianità trova puntuali barriere; a volte costruite da persone che a smartphone e web possono rinunciare, in altri casi da chi teme un futuro dominato da freddi robot. In verità è assai probabile che tecnologia e manualità convivranno sempre: se è vero che molte professioni sono scomparse già con l’arrivo della prima industrializzazione, sono i nuovi stili di vita che determinano, almeno nei paesi occidentali, la fine di lavori prettamente artigianali e la nascita di attività mai esistite prima. Anzi, la possibilità di comunicare e scambiarsi informazioni ha permesso a molti «smanettoni» e amanti del fai da te di approfondire conoscenze, coltivare scambi, scoprire materiali, prodotti e tecniche, acquistare e vendere i loro manufatti. Un nuovo bagaglio teorico e pratico difficilmente acquisibile senza Internet e i social.

Seguici sui social

Le nostre rubriche